Campo de’ Fiori a Roma: mercato mattutino e vita notturna serale

Campo de’ Fiori a Roma: mercato mattutino e vita notturna serale

Campo De' Fiori, una piazza nel centro storico di Roma, è una delle piazze più importanti di Roma . Di giorno, la piazza è la sede del mercato all'aperto mattutino più famoso della città , attivo dal 1869. Se soggiorni in un appartamento per le vacanze o cerchi un souvenir o un regalo legato al cibo, vai a Campo De' Mercato dei Fiori.

La sera, dopo che gli ortofrutticoli, i pescivendoli ei fiorai hanno riempito le loro bancarelle, Campo De' Fiori diventa il centro della movida. Numerosi ristoranti, enoteche e pub affollano la piazza, rendendola un punto d'incontro ideale per residenti e turisti e un luogo ideale per sedersi per un caffè mattutino o un aperitivo e prendere parte all'azione.

Mentre figura nel tessuto della vita moderna, Campo De' Fiori, come quasi tutti i luoghi di Roma, ha un passato storico. Qui è dove fu costruito il Teatro di Pompeo nel I secolo aC Infatti, l'architettura di alcuni edifici della piazza segue la curvatura delle fondamenta dell'antico teatro e resti del teatro possono essere visti in alcuni ristoranti e negozi.

Nel Medioevo, quest'area di Roma era stata in gran parte abbandonata e le rovine dell'antico teatro erano state rilevate dalla natura. Quando l'area fu risistemata alla fine del XV secolo, fu chiamata Campo De' Fiori, anche se fu prontamente lastricata per far posto a sontuose residenze come il vicino Palazzo della Cancelleria, il primo Palazzo rinascimentale a Roma e Palazzo Farnese , che oggi ospita l'ambasciata francese e si trova nella più tranquilla Piazza Farnese. Se desideri soggiornare in zona, ti consigliamo l'Hotel Residenza a Farnese.

Aggirando Campo De' Fiori c'è la Via del Pellegrino, la "Via del Pellegrino", dove i primi turisti cristiani potevano trovare cibo e riparo prima di recarsi alla Basilica di San Pietro .

Durante l'Inquisizione romana, che ebbe luogo tra la fine del XVI e l'inizio del XVII secolo, a Campo De' Fiori venivano eseguite esecuzioni pubbliche. Al centro della piazza si trova una solenne statua del filosofo Giordano Bruno, che ricorda quei giorni bui. La statua di un Bruno ammantato si trova nel punto della piazza dove fu bruciato vivo nel 1600.