Guida per insider al quartiere Huertas di Madrid

Guida per insider al quartiere Huertas di Madrid

Madrid è un mondo all'interno di una città, come dimostra la sua colorata gamma di  barrios  , ognuno dei quali vanta il proprio sapore unico. Dall'elegante ed elegante Salamanca al multiculturale Lavapiés fino al paradiso delle tapas che è La Latina , c'è un quartiere di Madrid per tutti e per tutti, indipendentemente dai tuoi gusti.

Ma un posto in particolare spicca, ed è Huertas. Ufficialmente noto come " el barrio de las letras ", o il quartiere letterario, prende il soprannome locale dalla strada principale che attraversa il centro del quartiere, Calle Huertas (ne parleremo tra poco). 

L'area originariamente non era altro che terreno agricolo ( huertas  significa "fattorie" in spagnolo), ma fu incorporata nella metropoli in crescita di Madrid durante la sua espansione urbana. Una volta diventato parte integrante della città a sé stante, il quartiere iniziò ad attirare alcuni dei migliori intellettuali spagnoli, dai poeti ai drammaturghi e autori e altro ancora, da qui il suo nome ufficiale. 

Situato a pochi passi dal centro della città, il quartiere di Huertas oggi offre molto fascino antico e divertimento contemporaneo. È particolarmente noto per la sua vita notturna, ma non è tutto ciò che c'è da fare a Huertas. Il quartiere vanta anche molti riferimenti storici e letterari, a volte scritti proprio per le strade stesse. Ecco cosa includere nel tuo itinerario per una perfetta giornata (e serata) nel  barrio più bello di Madrid .

01 di 05

Bevi qualcosa da Viva Madrid e Magister

La Spagna è il paese europeo con più bar pro capite di qualsiasi altro, e due dei migliori di Madrid sono praticamente uno accanto all'altro a Huertas. Magister è un micro-birrificio che serve ottime tapas gratuite, mentre Viva Madrid è uno dei bar più antichi della città, risalente al 1856. Entrambi sono tappe ideali durante il giro dei pub serali.

02 di 05

Goditi l'atmosfera di Plaza Santa Ana

Popolare tra i visitatori e le famiglie locali, Plaza Santa Ana è la piazza più grandiosa e movimentata del quartiere di Huertas. Qui troverai molte buone birrerie (una delle quali era il ritrovo preferito di Ernest Hemingway), il famoso Hotel de Reina Victoria (sede di un esclusivo bar sul tetto) e uno degli scrittori più iconici della Spagna, Federico García Lorca (in forma di statua, comunque). 

03 di 05

Guarda l'autentico flamenco al Cardamomo

Il flamenco autentico è difficile da trovare a Madrid. Purtroppo, la forma d'arte più appassionata della Spagna è stata, il più delle volte, relegata a uno spettacolo turistico troppo costoso nella maggior parte dei luoghi. 

Questo non è il caso di Cardamomo. Qui, artisti di fama mondiale salgono sul palco ogni sera per mettere in scena uno spettacolo davvero degno del nome di  flamenco . Non è l'esperienza più economica a Huertas, ma se hai spazio nel tuo budget, questo è sicuramente uno spettacolo da non perdere. 

04 di 05

Leggi la tua strada lungo Calle Huertas (e fermati per bevande e tapas lungo la strada)

Mentre percorri l'omonima via principale del quartiere, Calle Huertas, assicurati di guardare in basso ogni tanto. Il marciapiede reca incise citazioni di alcune delle menti letterarie più leggendarie della Spagna e potresti persino trovare un nuovo mantra preferito mentre fai la tua passeggiata.

Non sorprende che, data la sua posizione centrale, Calle Huertas sia anche una delle mete imperdibili per le tapas del quartiere. Passa da un bar all'altro, gustando drink e spuntini deliziosi in edifici storici e sarai pronto per una serata perfetta. 

Continua a 5 di 5 sotto.
05 di 05

La casa dove morì Cervantes

Appassionati di storia, non ci siamo dimenticati di voi. Assicurati di dedicare 20 secondi al cibo, alle bevande e alla musica nel quartiere di Huertas per dare un'occhiata a Calle Cervantes, 2. L'omonimo della strada e autore di Don Quijote, Miguel de Cervantes Saavedra, proveniva dalla vicina  Alcalá de Henares , ma ha trascorso buona parte della sua vita adulta nella capitale spagnola. Fu in questa casa che morì nel 1616, e sebbene l'edificio originale che sorgeva qui sia stato demolito all'inizio del 1800, la struttura sostitutiva onora il grande scrittore con una targa speciale.