Il tempio di Zeus Olimpio: la guida completa

Il tempio di Zeus Olimpio: la guida completa

Tempio di Zeus Olimpio

Indirizzo
Atene 105 57 , Grecia
Telefono +30 21 0922 6330

Il Tempio di Zeus Olimpio impiegò quasi 650 anni per essere costruito. Domina un enorme sito archeologico sotto l'Acropoli nel centro di Atene e un tempo era il tempio più grande del mondo antico. Ma originariamente non era affatto inteso per onorare Zeus Olimpio. E in realtà non è nemmeno greco.

Il sito del Tempio di Zeus Olimpio ad Atene, noto come Olympeion , è un parco archeologico di 15 acri appena a sud-est dell'Acropoli . Al culmine della sua gloria, che durò solo circa 100 anni, l'enorme tempio al centro era costituito da 104 colonne di marmo, alte poco più di 56 piedi. Le colonne, sormontate da capitelli corinzi riccamente scolpiti , avevano ciascuna un diametro di 5,57 piedi e una circonferenza di 17,51 piedi. Le colonne scanalate avevano ciascuna 20 scanalature ed erano disposte in doppie file di 20 ciascuna lungo la lunghezza e triple file di otto ciascuna lungo le estremità.

Visto in un altro modo, il tempio era lungo 362 piedi e largo 143,3 piedi. Al suo interno ospitava due statue ugualmente massicce: una scultura in avorio e oro di Zeus e un'altra dell'imperatore romano Adriano che si considerava un dio.

Se visiti il ​​sito oggi, dovrai fare gli straordinari con la tua immaginazione per immaginare questo immenso tempio. Tutto ciò che rimane di quello che era stato il tempio più grande della Grecia (e forse il più grande del mondo all'epoca) sono 16 massicce colonne di marmo: 15 in piedi e una spazzata via dai venti alla fine del XIX secolo. 

Altri punti salienti da vedere

Il sito era originariamente delimitato dal fiume Ilissos (ora per lo più trasportato in condotti sotterranei), santuari dedicati a una varietà di titani, divinità e ninfe, noti come santuari di Parilissia, fiancheggiavano le rive del fiume trasformando l'intera area in un centro religioso boscoso ai margini della città.

Nel corso dei secoli, l'Olympeion è stato anche sede di terme romane, case classiche, una basilica del V secolo e parte delle mura della città. Le rovine di alcuni di questi possono essere viste sul sito o appena fuori di esso.

Al giorno d'oggi il confine del sito della piattaforma del tempio è uno dei rari angoli tranquilli di Atene. Passeggia tra le fondamenta dei primi santuari e santuari, circondato da arbusti e alberi naturali, relativamente poco curati, per avere un'idea di come doveva essere questa sacra area fluviale migliaia di anni fa. Situato intorno ai bordi e a nord della piattaforma principale, cerca quanto segue:

  • Il tempio dorico di Apollo Delphinios
  • La Corte Delphinion, un ampio cortile e la sagoma delle stanze risalenti al 500 aC Questa corte era il luogo in cui gli ateniesi processavano gli omicidi che consideravano "giusti".
  • Le porte del Muro Temistocleo, che prende il nome da uno statista ateniese e costruito per difendersi dai persiani in guerra nel V secolo a.C.
  • L'Arco di Adriano, un monumentale doppio arco, alto quasi 60 piedi, dedicato sia ad Adriano che a Teseo , il mitico eroe e fondatore di Atene. L'arco si trova appena fuori dalle mura del recinto del tempio nell'angolo nord-ovest del sito.

Prendi il sentiero tra gli alberi lungo il bordo orientale del sito del tempio per trovare l'area un tempo lungo il fiume e i boschi sacri. Tra gli alberi, le pietre cadute e le fondamenta includono:

  • Un piccolo tempio dedicato a Kronos e Rhea , titani greci che erano dei nella loro storia di creazione e genitori di Zeus.
  • Un pendio roccioso dedicato a Gaia o Terra.
  • I resti di alcuni santuari di Parilissia, così chiamati perché si trovavano accanto al fiume Ilissos. Qui, gli antichi ateniesi, venivano a contemplare e adorare gli dei fluviali e forse offrire sacrifici agli dei degli inferi.
  • All'estremo angolo sud-occidentale del sito, cerca la Chiesa di Aghia Fotini. Quasi nascosta dietro di essa, immersa nell'ombra e avvolta da piante subtropicali, c'è una parete rocciosa verticale dove potresti riuscire a distinguere un'immagine di Pan. Potresti persino, senza accorgertene, inciampare in un minuscolo tratto dello stesso Ilissos che scorre ancora .

Cose da sapere

  • Come trovarlo ad Atene:  alle guide piace dire che non puoi perderti questo monumento perché è proprio nel centro di Atene. Potrebbe essere vero, ma lo sono anche diversi parchi che circondano imponenti rovine. Dirigiti verso l'ingresso principale su Leof. Vasilissis Olgas sul lato nord del sito. C'è un piccolo parcheggio e un sentiero tra l'Athens Tennis Club e l'ingresso e la biglietteria del sito. Si trova a circa 200 metri dalla fermata dell'autobus turistico vicino alla Porta di Adriano a Leof. Andrea Siggrou, sul lato ovest del parco. Non preoccuparti di cercare un modo per entrare da qualche altra parte lungo il sito poiché è recintato o murato tutt'intorno.
  • Orari:  tutti i giorni dalle 8:00 alle 15:00 da ottobre ad aprile e dalle 8:00 alle 20:00 da maggio a settembre. Chiuso 1 gennaio, 25 marzo, domenica di Pasqua, Natale e Santo Stefano (26 dicembre).
  • Biglietti:  il biglietto intero costa 6€. Se hai intenzione di visitare diversi monumenti e musei ad Atene, probabilmente vale la pena investire nel pacchetto di biglietti speciali per € 30. È valido per cinque giorni e comprende l'Acropoli, l' Antica Agorà di Atene , il Museo Archeologico , il Museo dell'Antica Agorà , le pendici nord e sud dell'Acropoli e molti altri siti intorno ad Atene.
  • Suggerimento: indossa un cappello e porta una bottiglia d'acqua poiché l'unica ombra è intorno ai bordi del sito, ben lontano dalle rovine stesse.

Storia del Tempio di Zeus Olimpio

Alza lo sguardo dal Tempio di Zeus Olimpio al Partenone, dedicato ad Atena, in alto sopra di esso sull'Acropoli e ti renderai presto conto che Atene era una città in cui Zeus, il re degli dei dell'Olimpo, non era molto apprezzato . Per questo motivo il tempio, quando fu iniziato, era semplicemente dedicato a Zeus senza il "moniker olimpico". Questo è probabilmente anche il motivo per cui ci sono voluti diversi tentativi e quasi 650 anni per finire.

Costruito su un sito che era stato luogo di culto e sacrificio per gli dei degli inferi e poi santuario all'aperto di Zeus, il tempio fu iniziato da un tiranno ateniese, Pisistrato, intorno al 550 a.C. Lo scopo era di costruirlo in arenaria con colonne doriche relativamente semplici. Alla morte del tiranno, intorno al 527 aC, il progetto fu abbandonato e demolito.

Fu ripreso da suo figlio Ippia, anche lui tiranno, che progettò qualcosa di più grande e molto più elaborato. Ma quando fu rovesciato ed espulso da Atene nel 510 aC, il progetto di costruzione fu nuovamente abbandonato. Rimase praticamente intatto per i successivi 300 anni.

Come interessante parentesi culturale, sembra che gli Ateniesi non gradissero la costruzione di monumenti grandiosi. Lo stesso Aristotele lo citava come una tattica dei tiranni per coinvolgere le persone in grandi progetti senza lasciare loro tempo, energia o fondi per ribellarsi.

Il tempio fu brevemente occupato centinaia di anni dopo dal re Antioco IV, un greco ellenico che era un burattino romano e incidentalmente il principale cattivo della storia ebraica di Hanukkah.

Infine, fu lasciato ai romani per finire il lavoro. L'imperatore Adriano completò il tempio, ora in marmo con intricati capitelli corinzi, aggiungendo "Olimpo" al titolo di Zeus , nel 125 d.C. Attraverso il nord dell'Inghilterra.) Era il tempio più grande della Grecia e ospitava una delle più grandi statue religiose del mondo.

Semplicemente non è durato molto a lungo. Entro 100 anni, i barbari invasero, saccheggiando la statua d'avorio e d'oro e seminando il caos tutt'intorno. Non è mai stato riparato e le rovine sono state utilizzate per materiali da costruzione in giro per la città.

Cosa vedere nelle vicinanze

A pochi passi è inoltre possibile visitare:

  • L'Acropoli: poco più di un chilometro a piedi
  • Il Museo dell'Acropoli : circa 800 metri, o 10 minuti a piedi
  • Mercato delle pulci di Monastiraki : a circa un miglio di distanza
  • Piazza Syntagma: il centro governativo, cerimoniale e turistico di Atene
  • La Plaka: quasi dall'altra parte della strada, in direzione ovest dell'Arco di Adriano